Under 21: Italia vs. Turchia – Vittoria convincente, squalifiche pesanti

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale.
________________________________________________________________

Buona vittoria dell’under21 di Ciro Ferrara sui pari età turchi.

Dopo il 7 a 2 in Liechtenstein, quindi, la nostra under procede di buon passo verso l’Europeo che si giocherà in Israele tra due anni.

Bene un po’ tutti i reparti ed i singoli scesi in campo.

Partiamo quindi dalla porta, dove Pinsoglio non aveva convinto appieno nelle ultime uscite (né contro il Liechtenstein né in amichevole con la Svizzera). Ieri, però, si è rifatto alla grande. La sua parata arrivata ad inizio match sullo 0 a 0 è infatti determinante per tenere in partita, soprattutto a livello mentale, i suoi. Subire goal a quel punto avrebbe infatti potuto far sbandare la truppa, che rimasta sui giusti binari ha invece saputo condurre in porto una vittoria importantissima.

Questa mattina su di un giornale locale di Varese leggevo un 5,5 per lui, a mio avviso assolutamente immeritato.

Bene, per quanto concerne la difesa, ancora una volta il solito Crescenzi, che come sottolineato anche dall’ottimo Bizzotto in sede di commento è, ad oggi, il giocatore più continuo e positivo di questo inizio di biennio.

Lotta, corre, chiude, riparte, si sovrappone, duetta bene con Insigne. Davvero un mistero come la sua Roma possa aver deciso di fargli fare un altro anno in Serie B quando, è palese, meriterebbe appieno la A. E, forse, quantomeno un ruolo da riserva nella Roma.
Ma sono anche sicuro che Luis Enrique ora che è in Italia avrà modo di osservarlo meglio. E se lo farà è probabilissimo che l’estate prossima Crescenzi tornerà alla base per restarci.

Sulla fascia opposta finalmente una buona prestazione anche di Davide Santon, che da fenomeno assoluto è passato, nel giro di qualche mese, a ragazzo già bruciato.

Ferrara ne ha fatto il capitano di questa nazionale per provare a tirarlo fuori dall’involuzione in cui cadde. Vedremo se la cosa funzionerà.
Ieri, di certo, è sempre stato attento in ogni situazione di gioco. Non ha comunque ancora sviluppato appieno tutto il suo potenziale e, alle volte, dà l’impressione che non lo farà mai.

Bene anche la coppia di centrali. Caldirola ed Antei non saranno Nesta e Cannavaro ma in questo momento rappresentano una coppia solida ed affidabile. Giusto puntarci.

A centrocampo Insigne fa il bello e il cattivo tempo. Se da una parte è una spina nel fianco per la difesa avversaria, riesce a saltare l’uomo con facilità e dialoga bene coi compagni dall’altra si fa espellere per una reazione sciocchissima ed assolutamente evitabile a tempo già scaduto, a partita già vinta.

Insigne che salterà quindi la trasferta turca per una leggerezza assolutamente evitabile. Un vero peccato, posto che a questo livello oggi può fare davvero la differenza.

Luci ed ombre, a suo modo, anche da parte di Saponara. Che per tutto il primo tempo è forse il peggiore dei suoi, ma che poi a cavallo dell’intervallo segna prima un goal per offire poi a Destro l’assist del raddoppio.

Non mi entusiasma, ma ad ora merita sicuramente di esserci.

Fa poi il compitino la coppia di centrali. Marrone e Rossi non sono brillanti e incisivi come in altre situazioni, ma meritano comunque un sei pieno per il lavoro di “taglia e cuci” che fanno in mezzo al campo.

Davanti, infine, leggerezza assurda anche da parte di Gabbiadini.
La punta atalantina, ad oggi vero e proprio punto fermo di questa rappresentativa, si prende un giallo per una simulazione a centrocampo, molto più che evitabile. Anche lui salterà quindi l’importantissima trasferta turca che potrebbe sancire, di fatto, la qualificazione dei nostri ragazzi.
Un vero peccato.

Bene invece Mattia Destro, che segna di rapina e con intelligenza il goal del raddoppio e lavora tanto per la squadra. La sua esplosione sembra essere ancora molto lontana, però. Chissà se saprà confermare tra i professionisti le splendide cose fatte vedere all’epoca delle giovanili Nerazzurre…

Poca roba, invece, questa Turchia, che pur – grazie al fatto di aver giocato due match in più dei nostri, continua a guidare il girone.
In terra turca, comunque, è probabile che le cose cambino. Sicuramente i nostri avversari scenderanno in campo con ben altra aggressività. Sarà quindi importantissimo tenere alti ritmi ed attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *