GazzaReferendum 2016: le mie cinquanta risposte!

In questi primi giorni di dicembre la Gazzetta dello Sport, cogliendo la coincidenza temporale col contestuale referendum costituzionale, ha pubblicato 50 domande pallonare rivolte ai propri lettori: il GazzaReferendum 2016.

GazzaReferendum 2016

Trovando alcune di queste domande – cui bisognerebbe ovviamente rispondere solo con un SI’ o con un NO – piuttosto interessanti ho deciso di riprenderle e rispondere qui, cercando ovviamente di non dilungarmi troppo.

Se vi va buona lettura. E, ovviamente, sentitevi liberissimi di rispondere portando i vostri punti di vista nei commenti qui sotto, sulla mia pagina Facebook, oppure interagendo con me tramite Twitter!

GazzaReferendum 2016

La Juve vincerà lo Scudetto? – SI

Penso che nonostante stia incontrando qualche difficoltà la Juventus resti la netta favorita nella corsa allo Scudetto. Una squadra con un insieme di talento, ben distribuito in tutti i reparti (per quanto qualche problema a centrocampo ci sia, ma certo non perché manchi la qualità), come non ce ne sono altre in Italia.

Insomma, questo Scudetto può solo perderlo la Juve. E la vittoria con l’Atalanta, una delle squadre più in forma del momento, dimostra ancora una volta che se i bianconeri scendono in campo determinati non ce n’è per nessuno, in Italia.

La Roma arriverà in Champions? – SI

Anche qui, mi pare che i dubbi possano essere pochi. A maggior ragione dopo il derby vinto ieri.

La Roma si contende col Napoli il secondo posto, a mio avviso.

Forse partendo anche un po’ più su dei campani, che sono orfani di Higuain e del suo rimpiazzo Milik.

Roma 2016/2017

Il Milan arriverà in Champions? – NO

Immagino già i miei amici tifosi rossoneri fare gli scongiuri, ma in questo momento mi sembra evidente di come il Milan stia palesemente overperformando rispetto alle sue possibilità.

Durerà?

Io non credo ancora per molto.

A fine stagione penso che più che per un posto in Europa League il Milan non possa competere.

 

La Lazio arriverà in Champions? – NO

Non credo che la Lazio, che pure sta giocando un campionato di altissimo livello, abbia gli strumenti per competere con la rivale capitolina ed il Napoli.

Certo tra Lazio e Milan vedo comunque favoriti i biancocelesti, che hanno qualche certezza in più a mio avviso.

L’Atalanta arriverà in Champions? – NO

Bella favola, che seguo fin da piccolo con affetto (anche per via di alcune radici della mia famiglia che affondano nel bergamasco).

L’Atalanta ha, con la Roma, il settore giovanile migliore d’Italia.

Ai giovani lanciati quest’anno ne aggiungerà altri nei prossimi anni (come Bastoni e Capone, magari Latte Lath, Gyabuaa, Traorè e Cortinovis).

Ma pensare che possa addirittura arrivare in Champions mi sembra abbastanza folle, tanto che questa domanda mi pare tra le più forzate del GazzaReferendum 2016.

La cosa più probabile è che continui ad incamerare punti in queste settimane – ammesso che la batosta di Torino non si faccia sentire troppo – e che poi giochi un girone di ritorno molto più soft.

Atalanta

Il Napoli arriverà in Champions? – SI

Non si fosse fatto male Milik (su cui avevo puntato anche per il fantacalcio…) avrei avuto ancora meno dubbi.

Detto ciò penso comunque che, come già detto, dietro la Juventus ci siano solo Roma e Napoli. Le altre, ad oggi, sono ancora troppo staccate per pensare realmente di poter accedere alla Champions. Almeno finché i posti resteranno tre.

Il Sassuolo in una delle prossime due stagioni giocherà di nuovo le Coppe? – SI

Azzardo.

In realtà la cosa più probabile dovrebbe essere il no.

Troppa la disparità di contesto con squadre oggi in difficoltà ma realisticamente molto più di impatto, come ad esempio le milanesi.

Però il Sassuolo ha una squadra giovane con giocatori che possono crescere molto.

Perderà quasi sicuramente l’ormai oggetto misterioso Berardi. Però tra Ricci, Politano, Pellegrini, Mazzitelli, Sensi, Lirola, Fontanesi e chi più ne ha più ne metta potrà comunque provare a riaprire un nuovo ciclo che conduca dritto all’Europa.

Pescara, Palermo e Crotone scenderanno in B? – SI

Difficile pensarla altrimenti, oggi.

Il Pescara esprime un calcio interessante, aperto, arioso… ma fatica tantissimo a concludere, e di contro non ha certo un bunker difensivo.

Il Palermo sta in mezzo ad una strada.

Il Crotone è di fatto una squadra di Serie B, che non è nemmeno detto rivincerebbe la cadetteria se ci giocasse oggi.

Insomma, a meno di miracoli queste tre dovrebbero essere le vittime designate di quest’anno.Pescara

La Juventus è una delle quattro squadre più forti d’Europa? – NO

Sarebbe bello avere un’italiana di nuovo stabilmente tra le squadre più forti d’Europa, ma i tempi sono ancora prematuri.

La Juventus è indubbiamente dietro alle big three: Barcellona, Real Madrid e Bayern Monaco (cosa che non vuol dire che se ci gioca in uno scontro diretto ci perde, eh!).

Poi dietro c’è un insieme di squadre che hanno valori sulla carta molto più vicini. Ma rispetto cui la Juventus non penso primeggi.

Ecco, come detto in estate su Facebook, penso che la Juventus quest’anno sia arrivata molto vicina a diventare – almeno – la quarta forza continentale: se avesse avuto la forza economica di trattenere Paul Pogba e nel contempo completare la stessa campagna di rafforzamento… sarebbe stata una serissima candidata alla Champions League.

La Nazionale Italiana per giocatori a disposizione è tra le cinque migliori d’Europa? – SI

Vedo che la maggioranza di chi ha risposto al GazzaReferendum 2016 ha risposto di no (67%, ovvero due lettori su tre).

Io però la penso all’opposto.

Credo che non avendo più i fenomeni di un tempo (Cannavaro, Nesta, Pirlo, Totti, Del Piero, ecc) ci siamo ormai auto-convinti di fare schifo.

Invece la mia impressione è che il livello medio sia calato un po’ ovunque, tra le squadre più forti. Compresa quella Spagna che ha dominato l’ultima decade.

In più agli ultimi Europei, pur senza giocatori fondamentali come Verratti e Marchisio, siamo usciti solo ai quarti, ai calci di rigore, contro i campioni del mondo in carica.

Insomma, non abbiamo più i fenomeni di un tempo, ma anche grazie all’esplosione di Belotti (speriamo continui così il suo percorso di crescita) siamo un gruppo abbastanza talentuoso in ogni reparto. E soprattutto con una difesa che non ha nessuno.

In più, parlando in prospettiva, abbiamo anche noi diversi giovani interessanti che potranno dire la loro.

Speriamo!

Italia

Montella deve ascoltare i consigli tecnici di Berlusconi? – NO

In Italia siamo tutti C.T., come si dice.

Purtroppo la realtà vera è che da noi chiunque guardi un paio di partite si sente poi legittimato a sentenziare come se fosse un calciofilo esperto.

Ecco, Berlusconi di calcio sicuramente ne capirà. Ma se proprio vuole fare la formazione, si assuma come allenatore.

Montella, e vale per qualunque altro allenatore di qualsiasi altra squadra, deve essere libero di lavorare. E sbagliare, nel caso.

Anche perché l’allenatore è sempre il primo a pagare, anche colpe non sue. Figuriamoci le eventuali colpe da ascrivergli!

Una sola altra domanda del GazzaReferendum 2016 si chiude con una percentuale più bulgara di questa. In cui vince il NO con il 96%!

Nel litigio con Sousa hanno ragione i Della Valle – NO

In realtà vorrei forse rispondere nì, ma le regole del GazzaReferendum 2016 non me lo permettono.

Perché hanno colpe entrambe le fazioni.

In definitiva però lo strappo credo si sia causato quando, l’anno scorso, la Fiorentina era in corsa per il primo posto a metà campionato, e i Della Valle come rinforzo per la difesa hanno presentato Benalouane.

BENALOUANE.

Un giocatore che, con un articolo su un sito ormai scomparso, bocciai già almeno cinque anni fa.

Della Valle e Sousa

Sarri si lamenta troppo? – SI

Come è ormai noto, almeno per chi mi segue su Facebook e Twitter, Sarri è uno dei miei allenatori preferiti dai tempi di Empoli.

Però ecco, una cosa che di lui proprio non mi piace sono i suoi atteggiamenti lamentosi.

Questo perché, caratterialmente, io sono all’esatto opposto. Quindi fatico a digerirli.

Per il resto, chapeau.

Pensate ad Higuain: fortissimo quanto volete, ma in trent’anni di vita il fenomeno l’ha fatto solo sotto la sua guida. Un caso?

Gasperini è il miglior allenatore della Serie A? – NO

Gianpiero Gasperini è sicuramente un ottimo tecnico, con una buonissima didattica ed una grande capacità di lavorare coi giovani.

E’ altresì un allenatore piuttosto rigido nelle sue convinzioni, e per questo motivo ha bisogno di giocatori che sappiano inserirsi nei suoi schemi e che sappiano dargli tutto ciò che hanno.

No, non è il miglior allenatore della Serie A. Di certo però non è da sottovalutare, né da bollare come scarso per il suo fallimento interista.

Mourinho è un allenatore superato? – NO

Non sono mai stato un fan di Mourinho, né ho intenzione di diventarlo ora.

Eviterei però anche di eccedere con i giudizi su di lui.

A mio avviso non era un alieno un tempo (anche se il libro “Alieno Mourinho” ve lo consiglio comunque), non è una pippa oggi.

Anche lui ha bisogno di farsi seguire al 100% da tutto l’ambiente.

Dove viene preso per Vate funziona, dove trova qualche ritrosia in più no.

Mourinho

Icardi segnerà più goal di Dzeko? – SI

Questo è un 50 e 50, tra le poche domande di questo GazzaReferendum 2016 che mi portano ad affidarmi alla buona sorte.

In linea di massima mi verrebbe da dire che a segnare di più possa essere il bosniaco, soprattutto vista la squadra che lo supporta.

Però in Icardi ho sempre creduto fin dal giorno zero, e l’ho difeso quando i suoi stessi tifosi lo crocifiggevano.

Quindi voto lui.

Richiamereste Balotelli in Nazionale? – NO

Attenzione, questa risposta al GazzaReferendum 2016 va spiegata.

Non è ovviamente un no assoluto, quanto relativo.

Ad oggi non lo richiamerei. Prima di farlo, a mio avviso, deve giocare almeno una stagione di buon/alto livello con la continuità che gli è sempre mancata in carriera.

Ad oggi Belotti ed Immobile (ma pure Pavoletti, se non fosse che continua a farsi male) danno molte più garanzie a mio avviso.

Belotti è il più forte attaccante italiano? – SI

In questo momento credo ci siano pochi dubbi.

Belotti ha avuto una crescita esponenziale nell’ultimo paio d’anni e ad oggi è la punta a mio avviso più forte e completa d’Italia.

Peccato non averlo visto agli Europei, anche se difficilmente il risultato finale sarebbe stato diverso con la sua presenza.Belotti

Dybala è il più forte giocatore del campionato? – SI

Dura definire “il più forte”, soprattutto pensando al fatto che solo l’anno scorso Higuain fece segnare il record di goal realizzati in singola stagione.

Però l’ex Napoli a mio avviso ha un grosso problema: è fragile psicologicamente.

Lo scorso anno ha segnato goal su goal sulle ali della fiducia, in una sorta di trance agonistica che è durata fino all’ultima giornata.

Quest’anno le cose sembrano già diverse e lui, pur restando un grande attaccante, è tornato a normalizzarsi.

Dybala invece a mio avviso è un fuoriclasse assoluto. Un giocatore che già oggi potrebbe presentarsi a Barcellona e Real Madrid, dall’alto dei suoi 23 anni, e giocarsi un posto da titolare.

Zamparini cambierà un altro allenatore prima del’estate – SI

Vado in fiducia.

Donnarumma sarà titolare della Nazionale al Mondiale di Russia 2018? – NO

Manca solo un anno e mezzo, e credo sia ancora il caso di puntare su Gigi Buffon.

Zoff vinse un Mondiale sulla quarantina, per certi fenomeni tutto è possibile.

Donnarumma è giovanissimo, ha grandi qualità ed un potenziale pazzesco… ma ad oggi non è ancora allo stesso livello di gioco complessivo di un alieno come Buffon.

Che per me, a meno di tracolli clamorosi, resta la scelta giusta per Russia 2018.Buffon

Bernardeschi diventerà più forte di Berardi – NO

Anche qui vorrei rispondere nì, ma giustamente è un’opzione non prevista dal GazzaReferendum 2016.

La questione è semplice e complessa allo stesso tempo: io credo che Berardi sia il massimo talento Azzurro della sua generazione.

Ma, nel contempo, non mi sembra ancora ad oggi abbia la testa giusta per realizzare appieno il suo potenziale.

Quindi?

Quindi speriamo ce la faccia lo stesso. Abbiamo tanto bisogno di lui.

(Nota a margine: sono un grande sponsor di Bernardeschi da che giocava in Serie B. Quindi daje pure per lui!)

Lapadula diventerà un attaccante da 20 goal a campionato? – NO

Non credo possa farcela, anche se ha una fame ed una applicazione bestiale.

Non credo diventi un attaccante da 20 goal a campionato, ma che possa starci in Serie A lo pensavo e sono felice lo stia dimostrando.

Ora vediamo questa fame dove lo condurrà!

Ai Pozzo sta più a cuore l’Udinese del Watford? – SI

Domanda che da un certo punto di vista è tra le più interessanti del GazzaReferendum 2016.

Rispondo sì, pur senza conoscerli personalmente, perché credo che loro si sentano molto legati ad Udine, che è la piazza che calcisticamente li ha visti sbocciare e che hanno addirittura portato sino ai preliminari di Champions League.

La questione Watford è semplice: in Inghilterra le squadre guadagnano molto di più. Quindi hanno molta più capacità di spesa.

Pozzo Watford

Vi piacerebbe se si giocasse ancora col pallone a scacchi bianconeri? – NO

A me dell’estetica del pallone interessa poco. Ciò che mi interessa di più è che il pallone sia funzionale e che non prenda traiettorie casuali perché studiato male.

Il Totocalcio era più divertente delle scommesse? – NO

Sinceramente questa domanda del GazzaReferendum 2016 la capisco poco.

Comunque non vedo dove né perché il Totocalcio dovesse essere più divertente.

Totti dovrebbe ritirarsi a fine stagione? – SI

Come scrissi in estate parlando del Brand Totti, la Roma ha i suoi perché nel rinnovare di volta in volta la permanenza del Pupone in squadra.

Prima o poi, però, tutti ci si dovrà rassegnare al fatto che il tempo passa per tutti, anche per lui.

Ecco il perché del mio voto secco – per quanto dispiaciuto – a questa domanda GazzaReferendum 2016.

Maldini ha fatto bene a rifiutare la proposta dei cinesi del Milan? – SI

Anche qui maggioranza tra le più schiaccianti del GazzaReferendum 2016, nonché mio sì tra i più convinti.

Perché sto con Paolo Maldini l’ho spiegato – spero bene – sui miei canali social quando lo stesso ufficializzò il suo rifiuto all’offerta cinese.

La mia opinione su Paolo Maldini

Gabigol deve andare in prestito per giocare di più? – SI

In realtà questa domanda del GazzaReferendum 2016 è posta male.

La riscrivo: “Gabigol deve andare in prestito per giocare”.

Donnarumma verrà ceduto a fine stagione? – NO

Sarebbe un fail clamoroso.

In più penso che lui stesso almeno due o tre stagioni al Milan voglia darle.

Se poi si renderà conto che la strada per ritrovare la vittoria sarà troppo lontana dall’essere imboccata allora potrebbe iniziare a pensare ad un futuro lontano dal rosso e dal nero.

Vi fareste rappresentare da Wanda Nara per ottenere un aumento di stipendio? – NO

Specifico, perché anche questa domanda del GazzaReferendum 2016 non è posta le modo per me migliore.

Sarei disposto a farmi rappresentare da lei, e non vedo perché no, per ottenere un posto di lavoro che potrebbe interessarmi davvero.

Non per mera speculazione.

I procuratori hanno troppo potere? – SI

Una delle due domande del GazzaReferendum 2016 che ha ottenuto la percentuale più schiacciante: 98% di sì.

Intermediari calcio

I cinesi ce la faranno a comprare il Milan? – NO

Sbaglierò sicuramente, ma anche a questa trattativa ho sempre creduto pochino.

Ridurreste il numero delle squadre di campionato? – SI

Anche questo, tra i miei sì più convinti al GazzaReferendum 2016.

Sono fermamente convinto da anni che 20 squadre siano un eccesso insensato.

La Serie A dovrebbe tornare a 18 (per non dire 16) e la Serie B almeno a 20 (se non 18).

Il prima possibile.

Una donna allenatore vincerà lo Scudetto entro i prossimi vent’anni? – NO

Anche qui una delle percentuali più schiaccianti del GazzaReferendum 2016: vince il no col 98%.

Attenzione: il mio no non è dovuto al fatto che credo che una donna non possa farcela. Ma che, per quello che conosco il mondo del calcio, credo che difficilmente nei prossimi vent’anni verrà data una possibilità reale e realistica ad una donna di farcela.Carolina Morace

Una Superlega con scontri tra le grandi d’Europa ogni settimana è il futuro migliore per il calcio? – NO

Probabilmente è l’unico futuro possibile realisticamente, ma non il migliore in assoluto a mio avviso.

Il calcio sta cambiando tanto sulla spinta di un business sempre più imperante.

Ma a mio avviso la rotta migliore sarebbe… una sua inversione.

La Superlega può essere affascinante, ma taglia fuori dal “giro buono” la maggior parte delle squadre e con esse tantissimi tifosi.

Sarò romantico, ma credo che in questo senso il calcio di un tempo fosse migliore. Un calcio in cui un’Ajax, con una grande programmazione, poteva dominare l’Europa. In cui potevano vincere anche la Steaua o la Stella Rossa.

Un calcio più democratico, insomma.

Inserireste nel calcio l’espulsione a tempo? – NO

Non sono per una “innovazione tanto per”.

Non trovo grandi benefici dall’introduzione dell’espulsione a tempo, quindi il mio voto diventa scontato.

Un campionato senza X, con i rigori al 90′ di ogni partita finita pari, sarebbe divertente? – NO

Anzi, rischierebbe di essere la morte del calcio.Rigori

Un grande calciatore dirà pubblicamente di essere gay prima del 4 dicembre del 2020? – NO

Unica domanda del GazzaReferendum 2016 che finisce 50 e 50.

Per quanto mi riguarda, stesso discorso che facevo con l’allenatrice scudettata: in questo mondo del calcio certe cose è difficile avvengano.

Del Piero è stato più grande di Totti? – NO

Per diverse cose debbo dire che l’ho apprezzato di più.

Ma nel complesso penso Totti fosse un talento ancor più puro. Un giocatore assoluto. Che se non fosse nato romano e romanista sarebbe potuto probabilmente diventare, almeno per qualche anno, il giocatore migliore del mondo senza se e senza ma.

Sacchi avrebbe vinto anche senza i tre olandesi? – SI

Domanda, tra quelle del GazzaReferendum 2016, che di senso ne ha forse meno.

Impossibile in assoluto definire cosa sarebbe stato del Milan di Sacchi senza quei tre fenomeni.

Io però credo che qualcosa avrebbe vinto comunque. I campioni non erano solo loro, e Sacchi portò comunque una ventata di aria nuova che probabilmente gli avrebbe consegnato comunque qualche trofeo, anche senza i Tulipani.Tre Tulipani

Avreste fatto entrare Rivera negli ultimi minuti di Italia – Brasile in Messico? – NO

L’avrei schierato titolare.

Ronaldo il Fenomeno è stato più grande di Van Basten? – SI

Certi paragoni non sono mai facili da fare.

Ma io credo che il Ronaldo migliore sia da mettere nella categoria dei Maradona e dei Pelè. Quindi un buon gradino sopra al pur grande Marco.

La Nazionale più amata di sempre è stata quella dell’82? – SI

O almeno, credo.

Io però non c’ero, quindi non lo so dire con certezza.

Conte, da allenatore, ha più meriti di Allegri nella storia della Juve? – SI

Sinceramente non vedo come si potrebbe dire il contrario.

Conte riportò la mentalità vincente, oltre ai trofei, ad una squadra che dopo una retrocessione d’ufficio aveva trovato non poche difficoltà, e che era reduce da due settimi posti consecutivi.

Tre Scudetti di fila e le basi su cui Allegri ha continuato a lavorare sino ad oggi.

Non per togliere nulla al tecnico livornese, ma credo ci sia poco da discutere rispetto a questo quesito del GazzaReferendum 2016.Antonio Conte

Zidane ha fatto bene a reagire con Materazzi? – NO

Anche qui, non si può dire il contrario.

A meno che non si voglia rispondere da tifosi italiani.

Allora ok, fece bene perché ci diede una mano a vincere quel Mondiale…

Gigi Riva ha fatto bene a rifiutare sempre le grandi squadre? – SI

In realtà questa domanda del GazzaReferendum 2016 trovo non abbia grandissimo senso.

Per me ha fatto bene solo in relazione al fatto che è stato ciò che si è sentito di fare.

Pirlo nel 2006 meritava il Pallone d’Oro più di Cannavaro? – NO

Non ho mai visto in 31 anni di vita un giocatore disputare una singola competizione ad un livello pazzesco come Cannavaro nel 2006.

Io stesso, anche se non credevo avrebbe potuto vincerlo davvero, gli avrei consegnato il Pallone d’Oro assieme alla Coppa del Mondo.

Il selfie di Totti è l’esultanza più bella degli ultimi trent’anni di Serie A? – NO

Per me il top resta il trenino del Bari che fu, quello che mi riporta alla mia gioventù.trenino

San Siro è il Maracana del calcio italiano? – NO

Ultima risposta di questo GazzaReferendum 2016.

Un ennesimo no, perché a mio avviso non esiste un Maracana del calcio italiano.


Seguimi su:
Facebook     Twitterblog     Twitterpersonale     G+     Youtube     Spreaker     Instagram

Tutti i diritti riservati all’autore. Nel caso si effettuino citazioni o si riporti il pezzo altrove si è pregati di riportare anche il link all’articolo originale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *